la carne rossa fa male

La Carne Rossa fa male? sostituiamola con Proteine Vegetali

La Carne Rossa

La carne rossa, generalmente appare rosso scuro perché contiene molta mioglobina, unaa proteina ricca di ferro che immagazzina l’ossigeno nei muscoli animali. La carne rossa comprende manzo, maiale, agnello, vitello, capra, bisonte, cervo e altra selvaggina. Il termine “carne rossa” può essere un po ‘confuso, tuttavia, quando si parla di carne da un punto di vista nutrizionale, “carne bianca” si riferisce a pollame e pesce, che contengono meno mioglobina e ferro rispetto alla carne rossa. La carne rossa può essere fresca o lavorata. La carne rossa fresca non contiene additivi, necessita di refrigerazione e deve essere consumata entro pochi giorni, dopo aver arrostito, grigliato o stufato ecc. La carne rossa lavorata è un termine che si riferisce alla carne che è stata modificata salando, stagionando, affumicando, inscatolando o trattando con conservanti. I tipi popolari includono pancetta, salame, salsiccia, hot dog e carne secca .La durata di conservazione delle varie carni lavorate è variabile,  alcuni tipi durano solo pochi giorni in frigorifero, mentre i tipi essiccati o in scatola possono rimanere commestibili per diversi mesi o addirittura anni se conservati a temperatura ambiente. Inoltre, alcune carni lavorate contengono sale come unico additivo, mentre altre possono includere zucchero, amido, altri conservanti e sostanze chimiche come i nitriti.

Perché la Carne Rossa potrebbe far male alla salute?

La carne rossa è una fonte di proteine ad alto valore biologico, apporta numerose vitamine e sali minerali tra cui  vitamina B12, niacina, selenio, zinco e potassio, è ricca di ferro eme (facilmente assorbibile) ma è anche fonte di acidi grassi saturi dannosi per la salute. Questo non vuol dire che tale alimento è da eliminare all’interno di una dieta sana ed equilibrata, ma per non “far male” andrebbe consumato con parsimonia, all’incirca una volta a settimana in tagli di carne con ridotta percentuale di grasso e non elaborati.

La Carne Rossa fa male: cosa ci dice la ricerca scientifica?

Secondo uno studio pubblicato nel BMJ, la sostituzione della carne rossa con alimenti vegetali di alta qualità come fagioli, noci o soia può essere associata a un ridotto rischio di malattia coronarica. . I ricercatori hanno analizzato i questionari sulla frequenza degli alimenti dei partecipanti allo studio di follow-up dei professionisti della salute e hanno confrontato il consumo di carne rossa e lavorata e le fonti di proteine ​​vegetali con eventi di malattie cardiache e mortalità. L’assunzione totale di carne rossa e lavorata era associata a un aumentato rischio di malattie cardiache, mentre una porzione al giorno di opzioni proteiche a base vegetale come legumi, cereali integrali e prodotti a base di soia era associata a un minor rischio di malattie cardiache. Possibili meccanismi per il rischio includono un aumento dell’assunzione di grassi saturi e ferro eme e un aumento dei livelli di colesterolo totale e LDL associati all’assunzione di carne, nonché composti pro infiammatori presenti nella carne. Gli autori attribuiscono inoltre il minor rischio alla sostituzione dei grassi saturi con grassi polinsaturi da fonti proteiche vegetali.

Carne Rossa: come inserirla in una dieta sana ed equilibrata?

I risultati degli studi scientifici dimostrano come un elevato consumo di Carne Rossa possa far male alla salute, per cui tale consumo dovrebbe essere ridotto a circa una porzione a settimana alternando questo piatto ad altri fonti proteiche più salutari come: proteine vegetali, pesce, carne bianca e uova. Queste modifiche alimentari non solo miglioreranno lo stato di salute e di benessere ma favoriranno anche un miglioramento dell’impatto ambientale poiché la coltivazione di legumi e vegetali ha un impatto minore sull’ambiente rispetto agli allevamenti intensivi dove spesso gli animali sono sottoposti a trattamenti farmacologici che possono impattare negativamente sulla salute dei consumatori.

Bibliografia

Al-Shaar L, Satija A, Wang DD, et al. Red meat intake and risk of coronary heart disease among US men: Prospective cohort study. BMJ. 2020;371:m4141-m4150. doi: 10.1136/bmj.m4141

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.